20 maggio 2013

Financiers al ribes rosso

financier cover
Come avrete capito dal mio post precedente, e da quello della settimana scorsa, ultimamente di "frutti rossi" a casa nostra ne circolano parecchi. In realtà avevo comprato il ribes rosso per fare questo cocktail, che da quando l'avevo visto sul blog della mia cara Rossella era diventato un po' la mia ossessione. Solo che mi ero completamente dimenticata del fatto che ci volesse il sorbetto al limone, e in più non c'è stato verso di trovare i lychees da nessuno dei miei fornitori abituali, neanche quelli dove in genere riesco a trovare (per dovere professionale...) roba fuori stagione impensabile.. Ma niente, di lychees nemmeno l'ombra. E allora questi meravigliosi ribes mica li potevo sprecare, no? 


ribes rosso
Poi è stata anche l'occasione di provare a fare finalmente queste tortine, le financiers, appunto, che avevo adocchiato più e più volte su tanti libri e su moltissime riviste di cucina che seguo. Va detto che le financiers non sono quello che propriamente potrebbe essere definito un dessert dietetico, no no.. E considerate che io ho anche drasticamente ridotto la dose di burro, e voi sapete che io in quanto a burro in genere non sto lì a lesinare, ma in tutte le ricette che ho trovato in giro mi sembrava francamente un'enormità (ne ho trovata una in cui il burro era niente di meno che 200 g per 160 g in totale di farina tra 00 e di mandorle, onestamente voglio pensare che sia stato un errore di battiutura.. O_o). 

financiers 2 alto

Comunque, a questo punto, non so se queste qui possono essere definite delle vere financiers, ma so che sono buonissime! E anche delicatissime, tenere, burrose (nonstante tutto), dolci con una nota acidula e pungente data dal ribes rosso. Io consiglio vivamente di usare queste piccole bacche oppure, al limite, dei lamponi perché il contrasto agro-dolce secondo me è assolutamente necessario. Con questa dose ho fatto 4 tortine piuttosto grandi, con stampi da crostatina di 11 cm di diametro, ma vi consiglio di farne di più piccole perché secondo me una intera per una persona è fin troppa, noi almeno le abbiamo mangiate sempre metà per uno..
bla bla
FINANCIERS AL RIBES ROSSO
Ingredienti:
3 albumi

120 g di zucchero a velo

25 g di farina 00
85 g di farina di mandorle
la scorza di un limone bio
70 g di burro fuso a temperatura ambiente
120 g di bacche di ribes rosso
burro e farina per gli stampi

Mescolate la farina di mandorle e quella 00 con lo zucchero a velo.
Montate gli albumi a neve non troppo ferma e incorporateli delicatamente con una spatola al mix di farine e zucchero. 
Unite la scorza di limone grattugiata molto finemente e mescolate.
Unite il burro fuso raffreddato e infine incorporate le bacche di ribes, mescolando delicatamente.
Dividete l'impasto in 4 formine da crostata antiaderenti da 11 cm di diametro ben imburrate e infarinate. 
Infornate in forno preriscaldato a 180 °C per circa 20 minuti, o finché non saranno ben dorate in superficie.
Lasciate raffreddare completamente prima di estrarle delicatamente dagli stampo. Servite con una spolverata di zucchero a velo. 
Per 4 tortine.

bla bla

36 commenti:

  1. Io le ho scoperte qualche settimana fa e nonostante non siano esattamente salutari (conta che le ho preparate con il burro nocciola) me ne sono innamorata. L'unico modo per goderne ma non esagerare è farne poche, come ho fatto io. ;)
    Se hai gli stampini da plumcake piccoli puoi farli lì, così ti vengono più piccoli.
    Quando avrò i ribes dell'orto provo a rifarli con la tua ricetta!
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i ribes nell'orto???? lo sai che ti sto invidiando moltissimo??
      decisamente farle più piccole la prossima volta! E in uno stampo con i bordi lisci, che non ti dico che fatica ho fatto a tirarle fuori senza rompere la smerlatura dello stampo da crostatino (not a good idea...)
      buona settimana!

      Elimina
  2. che forza di volontà ci vuole per dividere una porzione? :O))))
    questi financiers sono tanta ma tanta roba...
    buona settimana mia cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci vuole una forza di volontà che si chiama "tra un mese devi andare al mare" bella mia...
      non sono riuscita a passare venerdì alla Race for the Cure, com'è andata?

      Elimina
    2. ti dirò.. non sono solo sopravvissuta, mi sono pure divertita!
      una certa dose di ansia, ma dovevi vedermi mentre agitavo il coltello con il tagliere in aria per mostrare "all' ultima fila" come tagliare le verdure.. e poi mi si è inceppato il frullatore :O( ma alla fine, dopo SOLI 40 minuti ho finito di preparare la maionese senza uova. olèèè

      Elimina
  3. Commento prima le foto o la ricetta? :D
    Il ribes accostato a dolci burrosi e zuccherosi lo approvo in pieno, così l'aspro viene mitigato. Condivido la tua passione per i frutti di bosco, messi dei dolci ma anche... davanti l'obiettivo! Guarda che "ritratti" che hai fatto! Rosso e bianco, con le luci giuste, sono due colori che uniscono candore e passione e sono bellissimi vicini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, bianco e rosso sono un abbinamento che funziona sempre (anche una riga si e una no su una canottierina estiva, per esempio!)
      ciao Franci!!

      Elimina
  4. Uhhh. In questo momento farei follie per uno di quelli.
    Ma folliè vere... ;)

    RispondiElimina
  5. Sono arrivata fino a qui dal blog della dolce Gattina col piatto che scotta e mi chiedo come mai non ci sia arrivata prima.
    Foto piene di luce, piatti incantevoli, da copertina!
    So già che tornerò moltissime altre volte, non fosse altro per 'rubarti' la ricetta di qualche altra sfiziosa ricetta come questa delle financiers. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sei la benvenuta Becky! Ho dato anche io un'occhiata al tuo blog, mi piace questa cosa delle rievocazioni storiche!
      torna qui quando vuoi, siamo qua apposta!!

      Elimina
  6. Molto carini e chic questi dolcetti... mi piacciono molto...davvero!!!
    bravissimissima cara.
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! consiglio stampo con bordo liscio perché sono molto morbide ed è stata un'impresa sformarle senza rovinarle da questi stampini per crostatina..

      Elimina
  7. complimenti sono davvero deliziosi ,mi piacciono moltissimo e le foto sono davvero stupende....un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Ribes e mandorle, posso immaginarne la bontà. Saranno anche un concentrato di calorie, ma le valgono tutte ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, a piccole dosi (un quartino?) sono proprio da provare!

      Elimina
  9. Deliziose, cara Barbara, e come sempre, le foto parlano da sole...
    Baci

    www.lacasasullascogliera.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. Da quando sono negli USA, i frutti rossi e, più in generale, i frutti di bosco, sono entrati di prepotenza nel mio frigo....i prezzi sono accessibili ed il sapore non delude! Proverò sicuramente questa ricettina....magari con i mirtilli... Passando dalla cucina al design, hai qualche giovane designer americano da consigliarmi, ne vorrei approfittare e tu, in quanto a consigli, mi sembri la persona giusta! Ti scrivo in privato per delle altre cose.... Buone settimana mia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e beata te che lì costano poco.. qui 3,49 Euro la vaschetta :-/
      vabbè che non sarebbe nemmeno proprio la stagione... da verificare più in là!
      io ti consiglio di usare ribes o lamponi, insomma un frutto un po' acidulo, il mirtillo secondo me non lo è abbastanza, bellissimi da vedere ma non sufficientemente aciduli per contrastare... (a meno che tu non intenda quelli rossi, visto che tu sicuramente hai la fortuna di troare quelli freschi dalle tue parti!)
      design... di che genere? scrivi quando vuoi!
      a presto, cara Giulia

      Elimina
  11. Oddio, che goduria per gli occhi (e pure per il palato, lo sento)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si.. confermo la goduria di entrambi i sensi!

      Elimina
  12. Ma che spettacolo di tortine! In effetti la dose di burro da te usata non mi sembra proprio poca ... immagino come si sciolgono in bocca, complimenti.
    Bello anche il blog e le tue foto, non so nemmeno come ci sono capitata qui ma sono contenta di essermi fermata a leggere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensa che ho ridotto di praticamente 1 terzo quella prevista!!!
      grazie mille per il tuo commento, sono contenta che, in un modo o nell'altro, tu sia atterrata da queste parti! a presto
      b.

      Elimina
  13. Ma a te chi l'ha detto che questi dolcetti sono i miei preferiti?e i frutti rossi ci stanno meravigliosamente bene cara mia!Complimenti quando me ne offrirai uno?;-)

    RispondiElimina
  14. Che dolce goloso!!! Grazie anche per i consigli sparsi nella ricetta: credo che proverò con i lamponi!
    p.s. anche io invidio i ribes dell'orto di Zucchero e Zenzero...

    RispondiElimina
  15. Quanto mi è mancato questo posto e le tue foto mangio tutto con gli occhi =) brava un bacino <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Marcello anche tu sei mancato da queste parti!
      certo che a viver da soli si fanno le ore piccole eh? baci!
      ;-)

      Elimina
    2. è la solita insonnia mi addormento come un babbeo e poi mi sveglio a sti orari ma si può :P bacio

      Elimina
    3. oh si che si può! io quando sono molto stanca (cioè quasi sempre..) mi addormento in un nano secondo, mi bastano 2 minuti 2 di TV e niente, la testa mi si inclina, e mi addormento come un bambino, bolla al naso e bocca aperta tipo cartone animato.. se c'è mio marito, mi raccoglie pietosamente ad una certa ora e mi porta sotto le coperte, se lui è in viaggio resto lì nella stessa posizione per poi svegliarmi agli orari più assurdi.. solo che io, a differenza di te, non ci penso proprio di mettermi al computer! mi teletrasporto ad occhi chiusi direttamente sul letto, dove con altrettanta rapidità mi riaddormento all'istante...

      Elimina
  16. Bellissime!!! Io le ho mangiate per la prima volta in Francia, dove spesso sono servite con il café gourmand e sono stata conquistata dal loro sapore morbido e rotondo. L'aggiunta del ribes mi sembra perfetta per dare un tocco di acidità, come perfette sono le tue golosissime foto! Davvero stupende! baci, Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Alessandra... invece io non le avevo mai mangiate, nemmeno in Francia (sarà perché ogni volta faccio sempre scorpacciate di baguette e croissant a colazione??)
      un bacio,
      b.

      Elimina
  17. complimenti, questo blog è meraviglioso: ottime ricette, splendide foto e grande ispirazione!!! Anna

    RispondiElimina
  18. Complimenti!
    Mi è piaciuto molto. Davvero deliziose. :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...